News

Il consenso dei lavoratori può scriminare la videosorveglianza non autorizzata?

Cassazione penale sez. III, 15/07/2019, (ud. 15/07/2019, dep. 17/12/2019), n.50919 Fatto RITENUTO IN FATTO Il Tribunale di Milano, con sentenza del 14 gennaio 2019, ha condannato B.R., previa concessione in suo favore delle circostanze attenuanti generiche, alla pena di Euro 1.000,00 di ammenda, avendolo riconosciuto responsabile della violazione del D.Lgs. n. 196 del 2006, artt. 114 e 171 (recte: 2003) e della L. n. 300 del 1970, art. 4, comma 2 (recte: comma 1) e art. 38 per avere installato all'interno della...

La Cassazione definisce gli elementi tipici dell’omicidio preterintenzionale in concorso

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 15 ottobre 2019 – 4 febbraio 2020, n. 4715 Presidente Pezzullo - Relatore Riccardi Ritenuto in fatto 1. Con sentenza emessa il 06/10/2017 la Corte di Assise di Appello di Venezia, nel giudizio di rinvio disposto in seguito all’annullamento pronunciato da questa Corte, Sez. 1, con sentenza n. 10449 del 28/09/2016, dep. 2017, provvedendo sull’appello avverso quella della Corte di assise di Verona del 15/9/2009, riteneva gli imputati C.G. e V.A. responsabili (in concorso con...

Bancarotta fraudolenta: il codice della crisi di impresa non ha inciso sul reato

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 10 dicembre 2019 – 4 febbraio 2020, n. 4772 Presidente Sabeone – Relatore Stanislao Ritenuto in fatto 1. Con la sentenza impugnata, del 16 maggio 2019, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma ha applicato a M.F. la pena concordata fra le parti nella misura indicata in dispositivo, per i reati contestatigli ai sensi dell’art. 110 c.p., art. 223, comma 2, n. 1, in relazione all’art. 2621 c.c., e L. Fall., art....

Trasferimento d’azienda: dei debiti risponde il cessionario anche in assenza delle scritture contabili

In tema di cessione di azienda, il principio di solidarietà tra cedente e cessionario di cui all’art. 2560, comma 2, c.c., con riferimento ai debiti inerenti all’esercizio dell’azienda ceduta anteriori al trasferimento – principio condizionato al fatto che essi risultino dai libri contabili obbligatori – deve essere applicato tenendo conto della “finalità di protezione” della disposizione, finalità che consente all’interprete di far prevalere il principio generale della responsabilità solidale del cessionario ove venga riscontrato, da una parte, un utilizzo...

La responsabilità “illimitata” del liquidatore verso i creditori insoddisfatti dopo la cancellazione della società

Il decisum in rassegna affronta la problematica relativa alla responsabilità del liquidatore nei confronti dei creditori sociali, espressamente disciplinata dall’art. 2495 c.c.. Nello specifico, si tratta di stabilire quali siano i presupposti in presenza dei quali i creditori possano far valere le proprie ragioni nei confronti del liquidatore della società cancellata dal registro delle imprese. Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza 9 ottobre 2019 – 15 gennaio 2020, n. 521 Presidente Armano – Relatore Fiecconi Rilevato che: 1. Con ricorso notificato il...

Il socio moroso non può essere escluso per il mancato conferimento dell’aumento di capitale

Il socio moroso non può essere escluso per il mancato conferimento dell’aumento di capitale Il socio non può essere escluso dalla società in caso di mora nell’esecuzione dei versamenti dovuti alla società a titolo di conferimento per il debito da sottoscrizione dell’aumento del capitale sociale deliberato dall’assemblea nel corso della vita della società, essendo egli titolare della partecipazione sociale sin dalla costituzione della società. Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 luglio 2019 – 21 gennaio 2020, n. 1185 Presidente Bisogni...

Solamente l’avvenuto adempimento dell’obbligazione tributaria da parte del contribuente impedisce la confisca dei beni.

Cassazione penale sez. III, 26/06/2019, (ud. 26/06/2019, dep. 04/10/2019), n.40793 Massime Fatto RITENUTO IN FATTO Il Tribunale di Livorno, in funzione di giudice del riesame dei provvedimenti cautelari reali, ha, con ordinanza del 20 marzo 2019, respinto l'appello avverso la conferma del sequestro preventivo dei beni mobili ed immobili, finalizzato alla confisca per equivalente, emesso, nel corso delle indagini in materia di reati fiscali, dal Gip del locale Tribunale in danno di D.G.L., in qualità di legale rappresentante di Eurospedi Srl, e finalizzato...